I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante ACCETTO presti il consenso all'uso dei cookie tecnici.


Panoramica notizie


>
In Primo Piano

Falso psicoterapeuta scovato da
un investigatore privato.

>
Sentenze in evidenza

Per comprendere ciò che accade
e salvaguardare il patrimonio.

>
Rassegna Stampa

Per individuare, contrastare e
prevenire attività fraudolente.

In primo piano

Falso psicoterapeuta scovato da un investigatore privato

Aveva conquistato la fiducia di associazioni, enti culturali e privati ai quali proponeva, anche a pagamento, corsi di formazione, conferenze e sedute di psicoterapia. La vicenda è accaduta nella città di Bolzano dove un uomo, distinto e pacato, vantando titoli di laurea e referenze di primario livello era riuscito ad ottenere incarichi da psicoterapeuta. Alcuni sospetti, però, hanno spinto la presidente dell'Associazione Asis Invecchiare Bene a rivolgersi ad un investigatore privato. I risultati delle indagini hanno portato a smascherare il truffatore per il quale è stata formalizzata una querela per truffa, sostituzione di persona ed esercizio abusivo della professione.


In crescita i genitori che si rivolgono ad investigatori privati per il controllo dei figli

E' quanto emerge da una recente analisi condotta da primarie agenzie investigative.
Negli ultimi anni, da quanto rilevato, i genitori ricorrono sempre più frequentemente al supporto di investigatori privati o agenzie investigative per controllare i propri figli. I principali motivi sembrano essere riconducibili ad una vita professionale molte volte impegnata per entrambe i genitori, a dubbie frequentazioni dei figli ed alla carenza di dialogo. Ma tra le preoccupazioni dei genitori anche droga, alcol, comportamenti lesivi, ludopatie (gioco patologico) e prostituzione.
A fronte di tale crescente richiesta in materia di sorveglianza e tutela di giovani minori, evolvono e si raffinano i servizi proposti dai professionisti del settore dell'invesigazione privata.



Scopre il tradimento della moglie insospettito dalle multe

Sono tre multe per sosta vietata nella stessa strada a far insospettire il marito della donna. Le giustificazioni fornite dalla moglie non lo avevano convito, così decide di indagare affidando l'incarico ad un investigatore privato. Ma le indagini rivelano una storia ben più complessa.  La donna frequentava un locale di scambisti ed era solita parcheggiare la macchina nei pressi del locale dove erano state fatte le multe. La documentazione fotografica e le prove raccolte si sono dimostrate inconfutabili e la donna non ha potuto fare altro che ammettere il tradimento scoppiando in lacrime dopo aver appreso che il marito aveva già avviato la pratica di separazione.



Ludopatie, un fenomeno in preoccupante crescita.

Negli ultimi anni l'offerta di giochi d'azzardo, anche di facile accesso, ha visto una crescita esponenziale. Lotterie, slot machine, scommesse, poker on-line e fantacalcio attraggono ogni giorno un numero notevole di persone. A volte, però, per alcuni il gioco diventa compulsivo provocando dipendenze e veri e propri disturbi del comportamento, con ripercussioni economiche e sociali. Non di rado, infatti, chi soffre di simili disturbi tende a mentire e a nascondere il problema rischiando di compromettere, in modo significativo, il patrimonio, i risparmi e l'equilibrio dell'intera famiglia. In alcuni casi un percorso rieducativo che prevede soglie limite di spesa ed il controllo su come vengono investiti e spesi i soldi consente un progressivo recupero. Nei casi più gravi potrebbe essere necessario documentare i comportamenti patologici per poi esibirli in Tribunale al fine di ottenere idonee misure di tutela.



Nuove modalità di calcolo per il reddito di coppie in crisi presso il tribunale di Roma

Per semplificare al massimo la verifica e l'accertamento dell'effettivo reddito percepito dalle coppie in crisi che intendono separarsi, un tribunale della capitale ha avviato una nuova prassi, che va a differenziarsi in modo notevole rispetto alle attuali procedure previste dai decreti riguardanti la sezione famiglia.

Fino a questo momento, infatti, gli interessati si sono limitati a presentare le copie delle dichiarazioni dei redditi più recenti, ma, già a partire dal prossimo marzo, tutto questo cambierà in modo drastico, in quanto, il presidente Massimo Crescenzi si è occupato, assieme ai giudici della sezione, di stabilire e delineare un sistema di controlli ed accertamenti molto più complesso.

Il tutto si incentra sulla richiesta alle parti interessate di consegnare entro una decina di giorni liberi dall'udienza presidenziale sia l'intera documentazione riguardante il reddito degli ultimi tre anni che una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, in cui devono essere specificate le <<circostanze rilevanti il tenore di vita della famiglia>>.

Chiunque dovesse presentare materiale falso o non corretto, dovrà rispondere alle sanzioni imposte dal Codice penale in materia di dichiarazioni mendaci. Oltre a questo è da tenere in considerazione anche il fatto che sia le dichiarazioni scorrette, sia i ritardi nella presentazione della documentazione richiesta, verranno utilizzati come materiale di prova nel caso fosse necessario procedere con provvedimenti provvisori anche legati all'affidamento dei figli.